La porta piccola

Si potrebbe dire… tanto tuonò che alla fine piovve. Di pioggia ne è caduta parecchia. Senza alcun preavviso una lunga giornata di sole si è trasformata in una di tempesta. L’incubo della “porta piccola” ha serpeggiato nelle nostra mente. Forse è solo un temporale… […]

Dagli organismi internazionali… (OECD)

Riprendiamo una vecchia “rubrica”… richiamando l’attenzione sull’interim Economic Outlook dell’OECD (OCSE) del 21/09. Non mancano spunti interessanti…
[…]

Il Paese dei Balocchi

Ci si può sentire un po’ come Pinocchio nel Paese dei Balocchi (PdB)…. increduli e affascinati. Come nel PdB l’attuale contesto relega i problemi, le incertezze e le difficoltà in un angolo remoto della mente mentre il vissuto è spensierato, ottimista… quasi euforico.
[…]

Da |lunedì, 25 luglio, 2016|Banche Centrali, Exit Strategy, Mercati, Organismi Internazionali, Quantitative Easing, Scenari globali|Commenti disabilitati su Il Paese dei Balocchi

Compiacenza 2 (sindrome da déjà vu)

“Il nostro silenzio era dovuto per rispetto a mercati particolarmente compiacenti a cui piaceva non pesar nulla, essere dimentichi di tutto. Rompiamo qui il silenzio perché la compiacenza si è appannata”…
[…]

Da |mercoledì, 18 maggio, 2016|Banche Centrali, Cina, Exit Strategy, Mercati, Quantitative Easing|0 Commenti

Trappola da Quantitative Easing

Le principali Banche Centrali hanno nuovamente parlato. Le loro parole hanno condizionato i mercati e le altre BC. Quali i contenuti? Promesse, rassicurazioni, conferme ma nessun fatto concreto. Eppure ai mercati è bastato per considerare le turbolenze agostane superate… dimenticate. I tassi hanno parzialmente ricominciato a scendere. Le Borse statunitensi hanno persino recuperato il range dei massimi a cui erano arrivati. Massimi storici assoluti… quasi.
[…]

Da |martedì, 10 novembre, 2015|Banche Centrali, Exit Strategy, Mercati, Quantitative Easing|0 Commenti

Tout se tient

Nel mondo delle manovre ultra-espansive globali tout se tient, tutto si lega e allo stesso tempo si sorregge. Finché il gioco riesce…
[…]

E i tassi ricominciano a salire…

Il dramma greco continua alimentando o semplicemente coprendo un altro evento forse più rilevante… il generalizzato aumento dei tassi sui titoli di stato. Così il decennale USA dal 1,65% di gennaio ora si muove nell’intorno di 2,35%; quello giapponese è passato da 0,2% a 0,45%-0,5%; il Gilt (UK) da 1,3% a 2% e infine il Bund, in pieno QE, si è mosso da 0.05% a 1%. Questo accade in un momento in cui numerose manovre ultra espansive a livello globale sono in corso o sono state appena varate. Quali le ragioni di una simile incongruenza?
[…]

Tassi giapponesi…. perchè?

Cosa sta succedendo ai tassi dei titoli di Stato giapponesi? L’effetto dello scherzetto Kuroda è già esaurito (vedi)?
Forse, a causa del QE di Draghi neppure iniziato, qualcuno ha già il fiato corto? (vedi)
Vedremo se il tutto si esaurisce solo in “rumore di fondo” (noise)…
[…]

Da |martedì, 10 febbraio, 2015|Commenti Brevi|0 Commenti