• Exit strategy

    si intende, in senso ampio, la conclusione di una fase di politica monetaria accomodante. Attualmente essendo risultata insufficiente la misura “ordinaria” di riduzione dei tassi d’interesse in prossimità dello zero alcune Banche Centrali hanno adottato misure “non convenzionali” o “ultra espansive” di politica monetaria, fra le quali la più importante risulta essere il c.d. quantitative easing.

  • Indice PMI

    è un indicatore di fiducia, letteralmente Purchasing Managers Index, che misura il sentiment dei direttori acquisti di un campione di imprese. Normalmente le interviste che costituiscono la base per il calcolo dell’indice riguardano diversi fattori economici (produzione, ordini, prezzi, occupazione, scorte). Spesso si differenziano gli indici PMI fra settore industriale e settore dei servizi. L’indice si muove in un range compreso fra 0 e 100 e il livello 50 è considerato lo spartiacque fra contrazione ed espansione del ciclo economico. I più famosi, denominati in base all’ente emittente, sono l’ISM statunitense, l’IFO tedesco e, recentemente, anche l’HSBC PMI China considerato se non altro una verifica dei dati “ufficiali” diffusi dalle autorità cinesi.

  • Quantitative easing

    Quantitative easing (QE) is an unconventional monetary policy used by central banks to prevent the money supply falling when standard monetary policy has become ineffective.

  • Shibor

    sono i tassi d’interesse a breve termine in base ai quali le banche cinesi si scambiano fra loro liquidità, l’equivalente dei tassi interbancari Euribor per l’Europa.