La questione Grecia è tutta nelle parole dei partecipanti alla trattativa:
Tsipras:We will await patiently until the institutions accede to realism,. We do not have the right to bury European democracy at the place where it was born“.

Volker Kauder (capogruppo della Cdu/Csu al Bundestag – Merkel): “Not only Angela Merkel (wants to keep Greece in the euro), a lot of people want that….We’re saying Greece should remain. But it won’t work that Greece sets the terms and says ‘everyone else has to dance to our tune’. Greece needs to get back to reality“.

Blanchard (FMI):The European creditors would have to agree to significant additional financing, and to debt relief sufficient to maintain debt sustainability. We believe that, under the existing proposal, debt relief can be achieved through a long rescheduling of debt payments at low interest rates. Any further decrease in the primary surplus target, now or later, would probably require, however, haircuts“.

Le parole di Blanchard sono il reale spazio del compromesso possibile: la Grecia accetta ancora misure di austerità (magari meglio valutate e distribuite) mentre la UE accetta la riduzione sostanziale del debito greco.

Mancano solo le parole della BCE… già Draghi toccherà nuovamente a lui risolvere i guazzabuglio europeo? Tra domani e mercoledì sera intanto dovrà decidere il destino dei fondi ELA (Emergency Liquidity Assistance). I fondi ELA? Si tratta, in poche parole, di quella liquidità di emergenza (attualmente oltre 80 mld) che la BCE sta fornendo alle banche greche per fronteggiare i deflussi dei depositi. Occorre tener presente che tutti i depositi nelle banche greche ammontavano a fine aprile a circa 130 mld (ultimo dato disponibile)…. Che fine farebbe questo “credito” della BCE nel caso di una Grexit?

Difficile capire quali “magheggi” potrebbe inventarsi Draghi per risolvere questo nodo gordiano, ne ha già usati molti e forse ha esaurito le cartucce a sua disposizione…. Questa volta è l’Europa che deve decidere qual è la sua natura e la strada che vuole intraprendere.

Piaciuto l’articolo? Condividilo!