Segnalo un link che in qualche modo aggiunge elementi utili per mantenere inquadrato nella giusta ottica l’argomento dei possibili cambiamenti del sistema monetario internazionale. Al netto delle ricorrenti ma poco utili e credibili tesi cospirazioniste rimane un articolo interessante:

False East/West Paradigm Hides The Rise Of Global Currency

La riforma del FMI è parte rilevante dell’evoluzione che potrà avere il sistema monetario internazionale. In fondo anche il FMI rimane legato alla “vecchia” infrastruttura di Bretton Woods e un suo superamento è quasi nelle cose. Pur avendo riguadagnato un ruolo con la crisi del 2008 è da molti anni che i paesi emarginati (soprattutto i Brics) dal suo centro decisionale ne lamentano l’anacronismo.
Il confronto fra le diverse valute, tese a guadagnarsi spazio rispetto al Dollaro, si è accentuato proprio dopo la crisi dei sub-prime statunitensi. Finchè non si raggiunge un nuovo equilibrio stabile, con un nuovo e duraturo riferimento valutario, le turbolenze finanziarie non mancheranno.
Naturalmente tutto ciò influisce non poco sul prezzo e sulla distribuzione delle riserve auree, basta notare l’attivismo di certe banche sul mercato dei derivati dei metalli preziosi e l’elenco dei paesi che stanno accumulando riserve.

(Thanks to Alt-Market.com)

 

 

Piaciuto l’articolo? Condividilo!