L’ultimo World Economic Outlook del FMI annovera l’ennesima riduzione nelle aspettative dei tassi di crescita globale per gli anni 2013 e 2014.
In particolare, sono  le economie emergenti (-0.5% rispetto a luglio) quelle più colpite dalle riduzioni a causa di diversi fattori sia strutturali che ciclici. L’unico segnale positivo che emerge dalle previsioni è legato ad un lieve miglioramento nelle aspettative di crescita per i paesi Euro (+0.1 rispetto a luglio per il solo 2013) compensato da un peggioramento previsto per l’economia statunitense.

Riportiamo di seguito alcuni estratti dal WEO di ottobre del FMI:
Nel Foreword firmato da O. Blanchard (Economic Counsellor del FMI) si può leggere:

…it is time for monetary policy to make plans for an exit from both quantitative easing and zero policy rates. (…) It is reasonable to expect some volatility in long rates as Fed policy shifts”. Questo in accordo con quanto indicato dalla Banca Mondiale (vedi)

Normalization of interest rates in advanced economies is likely to lead to a partial reversal of previous capital flows” (con riferimento alle economie emergenti). Quindi la “correzione” a cui abbiamo assistito nei paesi emergenti in questi mesi potrebbe non essere finita, qualora la exit strategy inizi realmente. Ad oggi, infatti, la exit strategy è, e resta, una mera ipotesi benché qualche effetto, probabilmente irreversibile, essa l’abbia già prodotto. Occorre tener presente poi che gli ingenti previus capital flows hanno alimentato forti crescite di credito privato nei diversi paesi emergenti… chi sosterrà quei crediti? Forse anche questa considerazione preoccupa il FMI.

Nell’Executive Summary si può leggere:

China and a growing number of emerging market economies are coming off cyclical peaks. Their growth rates are projected to remain much above those of the advanced economies but below the elevated levels seen in recent years, for both cyclical and structural reasons”.

Talk by the Federal Reserve about tapering its quantitative easing measures led to an unexpectedly large increase in long-term yields in the United States and many other economies”.

emerging market economies may face exchange rate and financial market overshooting as they also cope with weaker economic outlooks and rising domestic vulnerabilities; some could even face severe balance of payments disruptions”.

the large public debt stocks and the absence of medium-term adjustment plans with concrete measures and strong entitlement reforms in key advanced economies, notably Japan and the United States, combine to keep fiscal risks at a stubbornly high level”. Dai debiti non scappi facilmente…

In sintesi: Global growth is still weak, its underlying dynamics are changing, and the risks to the forecast remain to the downside.

Piaciuto l’articolo? Condividilo!